Organi promotori e partner

Quattro organizzazioni si impegnano insieme da alcuni anni contro le mutilazioni genitali femminili (FGM/C) in Svizzera. Per conto della Confederazione conducono il progetto «Misure contro le mutilazioni genitali 2016 – 2019». Nel 2016 i quattro partner si sono uniti per formare la rete svizzera contro le mutilazioni genitali femminili. La Confederazione ha garantito il sostegno finanziario fino a giugno 2021.

Organi promotori:

CARITAS Svizzera

CARITAS Svizzera è un’organizzazione non-profit che assiste le persone che vivono in situazioni di povertà e privazione. CARITAS Svizzera è il principale responsabile dell’intero progetto «Misure contro le mutilazioni genitali femminili». Dal 2006 CARITAS Svizzera gestisce per conto dell’Ufficio federale della sanità pubblica e della Segreteria di Stato della migrazione (2010) il centro specializzato per la prevenzione delle mutilazioni genitali femminili quale fornisce consulenze alle dirette interessate e agli operatori del settore sul tema della delle FGM/C. Inoltre, CARITAS Svizzera si occupa di sensibilizzare le comunità insieme alle/ai migranti. Tiene regolarmente corsi di perfezionamento e forma le migranti e i migranti.

Lead nel progetto : responsabile principale del progetto, lavoro con le comunità, formazione continua per i professionisti, comunicazione e advocacy, centro di consulenza nazionale per le mutilazioni genitali femminili.

SALUTE SESSUALE SVIZZERA (SSCH)

SALUTE SESSUALE SVIZZERA è l’organizzazione mantello dei centri di consulenza per la salute sessuale e riproduttiva in Svizzera e sensibilizza sul tema delle mutilazioni genitali femminili. S’impegna a promuovere la salute sessuale e riproduttiva e i diritti sessuali. Nel 2009, l’organizzazione mantello ha condotto presso i suoi membri un’indagine sulle prestazioni destinate alle persone migranti, con lo scopo di analizzare in quale misura le/i consulenti fossero informati sul tema delle mutilazioni genitali femminili e quali fossero i loro bisogni. Nel 2013 SSCH ha pubblicato anche la guida “La consulenza in salute sessuale e riproduttiva per le e i migranti” per gli operatori del settore. La guida dedica un capitolo alle mutilazioni genitali femminili.

Lead nel progetto: Struttura e coordinamento dei centri di consulenza regionali, comunicazione e advocacy, mandati di progetto specifici.

CENTRO INTERDISCIPLINARE PER LA RICERCA NELL’AMBITO DEGLI STUDI DI GENERE, IZFG

L’IZFG dell'Università di Berna, come parte  del CSDU, fin dal 2016 ha svolto il mandato nell'ambito del partenariato di cooperazione con Caritas SVIZZERA e Salute sessuale SVIZZERA. Con la chiusura del Centro svizzero di competenza per i diritti umani CSDU alla fine del 2022, il mandato è stato ufficialmente affidato all'IZFG. Nell'ambito di questa collaborazione, l'IZFG è responsabile della piattaforma informativa www.mutilazioni-genitali-femminili.ch. L'IZFG vanta un'esperienza pluriennale nel dialogo sulla conoscenza e nell'ideazione, sviluppo e supporto di progetti web. Con la prospettiva professionale nell’ambito degli studi di genere, contribuisce con un'importante componente tematica al progetto complessivo della Rete  svizzera contro le mutilazioni genitali femminili.

Lead nel progetto: creazione, struttura e gestione della piattaforma informativa multilingue ad uso delle dirette interessate e degli operatori specializzati, redazione della newsletter, comunicazione, mandati specifici del progetto.

Ex membri:

CENTRO SVIZZERO DI COMPETENZA PER I DIRITTI UMANI CSDU
Il Centro svizzero di competenza per i diritti umani CSDU, una rete universitaria delle Università di Berna, Neuchâtel, Friburgo, Zurigo e Ginevra, è un centro di servizi con competenze certificate sui diritti umani. Il settore della politica di genere ha condotto in Svizzera un progetto per la convalida delle raccomandazioni esistenti per le misure da adottare e le migliori procedure per la prevenzione, l’assistenza, la protezione e l’intervento nel campo delle mutilazioni genitali femminili. In questo contesto ha elaborato due studi di base: Analisi delle raccomandazioni esistenti per le misure da adottare e panoramica delle norme giuridiche, competenze e autorità. Lead nel progetto 2016-2022: creazione, struttura e gestione della piattaforma informativa multilingue ad uso delle dirette interessate e degli operatori specializzati, redazione della newsletter, comunicazione, mandati specifici del progetto..

Brava (ex TERRE DES FEMMES Svizzera)
Nel 2016, Brava (ex Terre des Femmes Suisse) è stata una delle organizzazioni cofondatrici della Rete svizzera contro le MGF. In qualità di uno dei due punti di contatto nazionali della Rete, Brava è stata anche incaricata di sensibilizzare i professionisti. Anche prima di allora, Brava era impegnata da molti anni e in vari modi nella lotta contro le MGF/C, tra cui lo sviluppo di materiali di prevenzione e un inventario delle misure esistenti per combattere le MGF/C in Svizzera (2014). Brava si è ritirata dalla rete alla fine di giugno 2021 per perseguire i suoi impegni nella lotta alla violenza contro le donne altrove. In questo senso, Brava mantiene molti legami con i nostri temi. Lead nel progetto 2016-2021: perfezionamento degli operatori del settore, centro di consulenza nazionale per le mutilazioni genitali femminili.

Partner e gruppo di accompagnamento

Partner

Alcune attività come il perfezionamento degli operatori del settore vengono realizzate in collaborazione con l’ospedale universitario di Ginevra HUG e UNICEF. La rete intrattiene inoltre scambi con altre organizzazioni nazionali e internazionali.

Incontro di rete

Diversi specialisti, operatori e moltiplicatori provenienti dalla Svizzera si confronteranno con le organizzazioni responsabili della rete svizzera sulle MGF su temi attuali, nuove conoscenze e nuove sfide nel campo delle MGF.

Gruppo di accompagnamento

Monitoraggio strategico delle organizzazioni responsabili da parte di un gruppo di supporto interdisciplinare per l'orientamento e lo sviluppo della rete.

Riunione federale

Riunione organizzata dalla Confederazione, con la partecipazione di vari organi cantonali e servizi federali che hanno responsabilità, gestiscono programmi, misure pilota o sono comunque coinvolti nella questione della FGC.