La situazione giuridica nei paesi d’origine

La grande maggioranza degli Stati africani ha emanato leggi che vietano e puniscono le mutilazioni genitali femminili FGM/C.

Le mutilazioni genitali femminili vengono praticate in 29 Stati dell’Africa e in alcuni altri Stati dell’Asia e del Medio Oriente. La grande maggioranza degli Stati ha emanato leggi che puniscono questa pratica. Le pene vanno dai tre mesi di reclusione fino al carcere a vita. Diversi Stati prevedono anche pene pecuniarie.
Per informazioni e dati sulla presenza delle FGM/C in diverse regioni dell’Africa vedi Unicef, Female Genital Mutilation/ Cutting Country Profiles.
Qui di seguito potete trovare una panoramica degli Stati nei quali le FGM/C sono esplicitamente vietate dalla legge o quanto meno ai sensi del diritto costituzionale (in ordine alfabetico). Le cifre indicate si riferiscono all’anno in cui sono state varate le rispettive basi giuridiche fondamentali: laddove possibile, le leggi sono state linkate.

 

  Paese Anno Osservazione
1 Egitto 2008  
2 Etiopia 2007  
3 Benin 2003  
4 Burkina Faso 1996  
5 Gibuti 1994  
6 Costa d’Avorio 1998  
7 Eritrea 2007 Proclamation No. 158/2007 of 2007, A Proclamation to Abolish Female Circumcision, del 20 marzo 2007: Inglese; Tigrino
8 Gambia 2015  
9 Ghana 1994 integrata nel 2007
10 Guinea 1965 integrata nel 2000
11 Guinea-Bissau 2011  
12 Kenia 2001 Children Act No. 8 of 2001; Art. 14; 2011 Prohibition of Female Genital Mutilation Act No. 32 – vedi www.politicalkenyan.com/kenya-constitution-on-fgm/
13 Mauritania 2005  
14 Niger 2003  
15 Nigeria 2015 Violence Against Persons (Prohibition) Act, 2015 (VAPP) del 25 maggio 2015; testo: domesticviolence.com.ng/wp-content/uploads/2015/06/VAPP-Act-2015C.pdf; in alcune entità statali 1999-2002
16 Senegal 1999  
17 Somalia 2012 Art. 15 Abs. 4 Provisional Constitution vom 1. August 2012; Puntland: 2014
18 Sudafrica 2005  
19 Tanzania 1998  
20 Togo 1998  
21 Ciad 2003  
22 Uganda 2010 Prohibition of Female Genital Mutilation Act
23 Yemen 2001  
24 Repubblica Centrafricana 1966 integrata nel 1996

In Iraq le FGM/C sono vietate nella regione del Kurdistan, così come in alcune entità statali del Sudan. Tra l’altro in Liberia, Mali e Sierra Leone fino ad oggi manca una base giuridica che vieti esplicitamente le FGM/C.

Una panoramica sulla situazione giuridica negli Stati membri dell’Unione europea si trova nel: European Institute for Gender Equality, Female genital mutilation in the European Union and Croatia, 2013 (pagina 96).