Cosa sono le mutilazioni genitali femminili?

Le mutilazioni genitali femminili sono l'ablazione o lesione degli organi genitali femminili esterni. Esistono diverse forme e pratiche di mutilazione e l’età delle bambine al momento della mutilazione può variare molto.

Per saperne di più.

A chi posso rivolgermi?

Per molte donne e ragazze vittime di mutilazioni genitali non è facile parlare dei propri problemi e dei propri dubbi. Noi vi aiutiamo offrendovi consulenze gratuite e confidenziali.

Ci contatti.

La tradizione vuole così. Io no!

Le mutilazioni genitali femminili spesso vengono motivate con la tradizione. Tuttavia anche le tradizioni cambiano. Aiutateci a proteggere le bambine e le ragazze dalle mutilazioni.

Siamo qui per aiutarvi.

Quali sono le conseguenze sulla salute?

Molte ragazze e donne soffrono fisicamente e psicologicamente a causa delle conseguenze delle mutilazioni genitali.

Hanno il diritto di essere aiutate!

Dove vengono praticate le mutilazioni genitali femminili?

Le mutilazioni genitali vengono ancora praticate in molti paesi. Più di 200 milioni di ragazze e donne ne sono vittime. Ogni anno, tre milioni di neonate e bambine vengono mutilate.

In quali paesi?

Le mutilazioni genitali femminili sono vietate?

Le mutilazioni genitali femminili sono vietate in Svizzera così come nella maggior parte degli altri paesi. Donne e ragazze hanno il diritto di essere protette e aiutate.

Maggiori informazioni.

Domande frequenti

Ci sono ancora molte domande e dubbi sul tema delle mutilazioni genitali femminili.

Qui potete trovare le risposte.

Cosa sono le mutilazioni genitali femminili?

Le diverse forme di mutilazioni genitali femminili vengono stabilite dalla regione e dalla comunità in cui vivono le bambine. Si distinguono i seguenti quattro tipi di mutilazioni:

  • Tipo I (clitoridectomia): asportazione parziale o totale del clitoride.
  • Tipo II (escissione): asportazione parziale o completa del clitoride e delle piccole labbra.
  • Tipo III (infibulazione o «circoncisione faraonica»): asportazione del clitoride e delle piccole labbra. Le grandi labbra vengono cucite insieme, lasciando aperto solo un piccolo foro.
  • Tipo IV: tutte le altre forme che mutilano gli organi genitali femminili, come ad esempio la puntura o la perforazione degli organi genitali interni ed esterni.

L’età delle bambine al momento della mutilazione può variare molto. Ci sono comunità che praticano la mutilazione alle bambine nei primi mesi di vita, altre dai quattro agli otto anni e altre ancora praticano la mutilazione alle ragazze in età puberale o alle donne adulte. Le donne adulte possono anche essere ricucite dopo il parto (reinfibulazione). Se desiderate sapere in quali regioni del mondo e con quale frequenza vengono praticate le mutilazioni genitali femminili, qui potete trovare una mappa riassuntiva. Se avete domande sulle mutilazione o desiderate aiuto, contattateci: Informazioni e consulenza gratuite.

Come vengono praticate le mutilazioni genitali femminili? Spiegazione della ginecologa Dr.ssa Kuhn dell’Inselspital di Berna:

A chi posso rivolgermi?

Avete delle domande sulla salute delle donne e sulle mutilazioni genitali femminili? Inviateci un e-mail o contattateci telefonicamente:

Nadia Bisang, Caritas Schweiz

Nadia Bisang
Caritas Schweiz

Denise Schwegler, Caritas Schweiz

Denise Schwegler
Caritas Schweiz

Contattateci per fissare un appuntamento. Le consulenze sono gratuite e aperte anche agli uomini. Saremo lieti di fornirvi una consulenza confidenziale. Per chi lo desidera, dei traduttori sono a disposizione per le consulenze.

Contatti di emergenza:

La tradizione vuole così. Io no!

10 motivi per cui le mutilazioni genitali femminili non dovrebbero più essere praticate:

  1. Le mutilazioni genitali femminili sono una violazione dei diritti umani
  2. Tutti bambini hanno il diritto di avere un corpo sano
  3. Non esiste in nessuna religione al mondo la prova scritta della richiesta di praticare le mutilazioni genitali femminili
  4. Il corpo femminile va bene così come è stato creato da Dio
  5. Le mutilazioni genitali femminili sono vietate in Svizzera e in molti altri paesi
  6. Le bambine e le donne che non hanno subito mutilazioni genitali hanno meno dolori, sono più sane e vivono più a lungo
  7. Le mutilazioni genitali femminili possono rendere sterili
  8. Le donne che non hanno subito mutilazioni genitali hanno meno problemi al momento del parto.
  9. Il fatto che una donna sia fedele al marito non dipende dalle mutilazioni genitali
  10. Vivere in una società in cui questa tradizione viene condannata è molto difficile per le ragazze e le donne

Volete oporvi a questa tradizione? Vi sosteniamo offrendovi informazioni e consulenza.

Un imam e un pastore dicono: «Le mutilazioni genitali femminili non derivano dalla religione!» E due donne discutono insieme: «Anche le donne che non hanno subito mutilazioni genitali possono essere buone mogli!»

Quali sono le conseguenze sulla salute?

Le mutilazioni genitali femminili hanno conseguenze gravi sulla salute delle donne e delle ragazze, alcune addirittura mortali. Le conseguenze delle mutilazioni genitali femminili possono essere ad esempio:

  • Ansia, stress, trauma e shock
  • Infezioni
  • Dolore durante la minzione e durante le mestruazioni
  • Incontinenza
  • Problemi con le cicatrici
  • Parto doloroso e complicato per mamma e bambino
  • Infertilità
  • Dolore durante i rapporti sessuali e diminuzione della libido

Non tutte le ragazze e le donne a cui sono state praticate mutilazioni genitali hanno questi problemi. Se e quali problemi possono insorgere dipende dal tipo di mutilazione genitale e da come è stata praticata. Inoltre, ogni donna e ogni ragazza reagisce diversamente di fronte alle esperienze difficili.

Possibili conseguenze psicologiche

Può accadere che, a causa della mutilazione genitale, le ragazze e le donne riscontrino anche delle difficoltà problemi psicologiche. Ad esempio possono essere deluse dal fatto di non essere state protette dai loro genitori. Quando arrivano in Svizzera, le ragazze vittime di mutilazioni genitali si confrontano con le ragazze non mutilate e si chiedono. In alcune ragazze e donne, questa esperienza può suscitare angoscia o tristezza.
Le mutilazioni genitali femminili sono irreversibili, tuttavia i problemi fisici e psicologici possono essere curati. Ogni ragazza e ogni donna ne ha il diritto.

Se siete vittime di mutilazioni genitali o temete  che vi possa essere praticata a breve, chiedete aiuto!

Spiegazione della ginecologa Dr.ssa Kuhn dell’Inselspital di Berna sulle conseguenze delle mutilazioni genitali femminili:

Dove vengono praticate le mutilazioni genitali femminili?

Sono vittime di mutilazioni genitali femminili in particolare ragazze e donne in alcuni paesi africani come: Somalia, Eritrea, Sudan, Egitto, Guinea, Sierra Leone, Mali e Gibuti. Le mutilazioni genitali femminili vengono praticate però anche in Asia, nella penisola araba e nei territori curdi; così come in  alcuni paesi musulmani, tuttavia non in tutti, come ad esempio in Arabia Saudita. Inoltre, le mutilazioni genitali femminili stanno diminuendo in molti paesi, come lo dimostrano il numero di casi riscontrati nel 2015/2016. Questo significa che tendenzialmente vengono praticate sempre meno mutilazioni genitali femminili:

Mutilazioni genitali in % tra le generazioni più anziane Mutilazioni genitali in % tra le generazioni più giovani
Eritrea 83% 78%
Sudan 87% 84%
Etiopia 74% 62%
Egitto 87% 61%
Somalia 98% 97%

Fonte: Integra

Nella maggior parte dei paesi africani e anche in Svizzera le mutilazioni genitali femminili sono vietate. Informatevi sulla situazione giuridica.

Desiderate parlare di mutilazioni genitali femminili? Siete state vittime di mutilazioni genitali? Contattateci per informazioni e consulenza.

Ulteriori informazioni sui paesi dove vengono praticate le mutilazioni genitali femminili sono disponibili sul sito per professionisti.

Le mutilazioni genitali femminili sono vietate?

Chi pratica le mutilazioni genitali femminili viola i diritti umani, in particolare il diritto alla protezione dalla violenza contro le donne e le ragazze. Gli Stati devono proteggere le ragazze e le donne dalle mutilazioni genitali femminili e devono garantire loro l’aiuto necessario.
In Svizzera il divieto contro le mutilazioni genitali femminili è sancito dall’Art. 124 del Codice penale. La legge.

Non viene punito soltanto chi pratica le mutilazioni genitali femminili, ma anche i genitori o i parenti che acconsentono che una ragazza venga mutilata. Viene altresì punito chi ha effettuato o permesso le mutilazioni genitali all’estero. Chi viola questo divieto viene punito con il carcere o con una pena pecuniaria. Questo vale per tutte le forme di mutilazioni genitali, quindi anche per il tipo I (chiamato anche al-sunna).

I genitori sono responsabili della protezione delle loro figlie. Se non si assumono questa responsabilità, intervengono le autorità competenti, come l’autorità di protezione dei minori.
Le autorità in Svizzera offrono consulenza e aiuto alle vittime, in particolare assistenza medica, psicologica e giuridica.

Le mutilazioni genitali femminili sono motivo di richiesta di asilo in Svizzera, tuttavia solo se il paese d’origine non può offrire alcuna protezione dalle mutilazioni genitali.

Sul sito per professionisti, alla voce «Diritti e leggi» potete trovare tutti i divieti, i diritti e le leggi in vigore in Svizzera e a livello internazionale, nonché nel vostro paese d’origine.

Spiegazione della consigliera federale Simonetta Sommaruga: «Le mutilazioni genitali femminili sono vietate in Svizzera».

Ho forti dolori, soprattutto quando ho le mestruazioni. Che cosa posso fare?

In caso di dolori, dovrebbe contattare una ginecologa specializzata per parlare della vostra situazione. A seconda del tipo di mutilazione genitale, può essere eseguito un intervento per riaprire i genitali (defibulazione). Questo intervento viene preso a carico dall’assicurazione malattia. Consulenza e informazioni

Ho subito una mutilazione genitale e sono incinta. Come incide questo sulla nascita del mio bambino?

In Svizzera ci sono diverse ostetriche, ginecologhe e ospedali che hanno esperienza con il parto di donne che hanno subito delle mutilazioni genitali. Non abbiate quindi nessuna paura e parlatene il più presto possibile ai professionisti dell’ambito sanitario affinché siano informati e possano tenerlo in considerazione. Consulenza e informazioni

Non so se ho subito una mutilazione genitale e che cosa comporterebbe...

Ci sono molte donne che non sanno se hanno subito una mutilazione genitale. Se la mutilazione genitale è avvenuta nella prima infanzia, le donne non hanno ricordi coscienti. Inoltre, le mutilazioni genitali femminili sono un argomento tabù e le donne non possono chiedere né alla madre, né ad altri parenti. Se siete preoccupate, prendete appuntamento con una ginecologa specializzata. Consulenza e informazioni

Ho subito una mutilazione genitale e ho avuto delle esperienze negative con alcuni professionisti dell’ambito sanitario.

Le ragazze e le donne hanno diritto a una buona assistenza sanitaria. Questo significa che i professionisti dell’ambito sanitario devono fornire consulenze e cure in modo professionale alle donne che hanno subito delle mutilazioni genitali. Purtroppo non è sempre così. Non esitate a contattarci se desiderate raccontare la vostra esperienza ad una persona competente che saprà ascoltarvi e rispettarvi.
Consulenza e informazioni

Ho sposato una donna che ha subito una mutilazione genitale. Che cosa significa?

La mutilazione genitale può avere conseguenze fisiche e psicologiche per vostra moglie. I rapporti sessuali potrebbero essere dolorosi. In Svizzera ci sono centri specializzati a cui ci si può rivolgere per parlare di queste questioni. Le consulenze sono gratuite. Consulenza e informazioni

Non voglio che mia figlia subisca una mutilazione genitale. Dove posso trovare aiuto?

È importante che i genitori si impegnino attivamente per proteggere le loro figlie. Noi vi sosteniamo in questo impegno. Attualmente in Svizzera ci sono molte donne e uomini provenienti da paesi come la Somalia, l’Eritrea, l’Etiopia e il Sudan che si impegnano nella prevenzione. In collaborazione con queste moltiplicatrici e questi moltiplicatori si possono organizzare colloqui con i genitori. Se siete interessati ad un colloquio, prendete contatto con le consulenti di Caritas Svizzera. Consulenza e informazioni